Antica Cantina Forentum – Lavello (PZ)

L’Antica Cantina Forentum con il suo nome vuole ricordare l’antico borgo dauno su cui è stata costruita Lavello, per ribadire l’attaccamento alle radici che anima il lavoro dell’instancabile Savino Di Noia.
È lui il protagonista, sebbene non assoluto, perché ai fornelli collabora con la mamma Maria Lucia e gli ospiti li accoglie in compagnia della gentile Aurora Basso; mentre il padre cura l’uliveto e l’orto di famiglia.

Ravioli al sugo di braciola

Calda e familiare è l’atmosfera che regna nelle due salette ricavate in una grotta ipogea, con il valore aggiunto del pane cotto nel forno a legna e dell’olio di produzione propria. Pane e olio che arrivano in tavola insieme a un rosato d’aglianico servito come aperitivo, e poi si assiste al trionfo della tradizione con qualche estroso guizzo creativo.

Maccaronara du munacidde

Si va dalla parmigiana di zucca su fonduta di pecorino, e dalla patata cotta nel forno a legna con peperoni cruschi; alle robuste cime di rape con salsiccia aromatizzata al finocchietto selvatico e cacioricotta. Discorso a parte merita un folcloristico piatto inventato da Savino e dedicato a un personaggio della fantasia popolare: “la maccaronara du munacidde”. Il munacidde è una sorta di folletto, il cui caratteristico berretto rosso viene riprodotto dal peperone crusco che sovrasta gli ottimi spaghetti alla chitarra con crema di zucca, salsiccia e ricotta dura. In alternativa un autentico capolavoro: i ravioli fatti in casa ripieni di ricotta, zucchero e cannella conditi con il sugo di cottura della braciola.

Antica Cantina Forentum, piazza Plebiscito 16 Lavello (Pz), tel. 0972.85147 chiusura: venerdì. Carte di credito: no AE.

35 euro esclusi i vini.
www.anticacantinaforentum.com

info@anticacantinaforentum.com